MENU

MINIARTEXTIL “humans”

0
830
0

20180317_14033920180317_14051620180317_115155-1-1

La giuria di Miniartextil ha selezionato i 54 minitessili dell’edizione 2018 di Miniartextil, quest’anno dedicata alla delicata tematica Humans. Fra le oltre 220 candidature giunte da ogni parte del mondo i giurati Carlo Pozzoli (presidente di giuria, textile and fashion designer), Michael Hadida (CEO Leclaireur Parigi), Rolands Krutovs (artista), hanno scelto i lavori di Silvia Beccaria (La speziale), CinziaFarina (Ecco, questa è la casa – eppur non è), Nancy Van Dijk (It is life jim, but not as we know it), AnnicaStiernlof (Communication/Innovation), Gerda Ritzmann (Minds in prison),

Agostina Pallone (Girotondo primordiale),

Kaoru Nakano (Relationship), Chikako Imizumi (Fibre of Being), Mirjam Pet-Jacobs (me2), Céu Escudeiro (Human memory), Francesca Nicchi (Humans), Dosho Chiaki (Heart 1), Médée Sculpteure (Métissage), Romana Vanacore (Origin), Hemma Lagadec (Déchets antropocène), Monge Gilles (No time no fear), Caroline Turner, (Mé(tissage)), Tiziana Contu (Prezzo imposto), Ramona Conconi (Una ciotola di umanità), Christine Läubli (We are our own story), Lucia Marchi (Los que me humanan/Those who humanize me), Lara Zappa (Nessuno si salva da solo), Minnamarina Tammi (Touch on), Brigitte Stoffel-Finazzi (Rèverie humaine), Antonio Bernardo (Delicatamente), Chiara Passigli (Words are never alone), Stefano Zaratin (P2P), Jelena Skuliene (Crazy), Marisa Iotti (A’nemos), Mihoko Sumi (Exosome), Hiromi Murotani (Heart), Sara Dochow (My heart is a seed bank), Cristiana Fasano (H), Giulia Nelli (Legami negati), Roberta Micocci (Polvere di stelle), Valeria Melodia Boisco (Res gestae), Alvaro Diego Gomez Campuzano (Anthropocene (Resilience)), Alina Samsonovich (Edge of emotions), Anastasiya Pukhouskaya (Standards), Anne Gueno (Where is my (human) mind?), Catherine Bernarduchene (De l’homme à l’homme), Silvia Maria Conte Mac Donell (Ubi?), Makiko Wakisaka (Confetti), Brigitte Amarger (Anthropocène), Patricia Ramsay (Seas of the Mind), Lucia Grazia Coviello (Maney), Michele Liparesi (In scatola), Lucia Crisci (Oggetto umano), Katri Haahti (Occhi), Linda Pellegrini (Luogo segreto), Xia Gao (Daily life), Ilze Godlevskis (HEART AND SOUL), Maria Matyja-Rozpara (Book of faces), Alberto Borellini (Disumanità).
Tra i 54 minitessili selezionati, l’associazione culturale ha attribuito il premio Arte&Arte all’opera dell’artista giapponese Hiromi Murotani, Heart, “la quale ben rappresentala tematica Humans, ricalcandone la nostra visione universale, senza distinzioni ma considerando un’unica umanità, un unico essere umano. Intensità cromatica e raffinatezza nell’esecuzione tessile, inoltre, sono motivazioni che hanno portato a tale scelta”.
Intanto arriva un’anticipazione (nella foto) sull’installazione dell’altare della ex Chiesa di San Francesco realizzata da Soo Sunny Park e chiamata UnwovenLight. L’opera è realizzata con reti metalliche, plexiglass e luci naturali e artificiali.

 

 

Sorry, the comment form is closed at this time.